Adeguamento ISTAT su Canone di Affitto

Adeguamento ISTAT Affitti - Come CalcolarloPer il calcolo dell’aggiornamento ISTAT annuale del canone di locazione in base agli indici FOI/NIC sono necessarie alcune precisazioni ed approfondimenti, onde evitare di incorrere in errori o, come spesso capitava ai nostri clienti prima di usare il software Gestione Affitti DATOS, di effettuare conti lunghi e dispendiosi.

Vediamo dunque quali sono questi fattori da prendere in considerazione PRIMA di effettuare materialmente il calcolo adeguamento ISTAT del canone di affitto:

  • Reperimento della tabella con gli ultimi indici ISTAT (FOI, NIC, IPCA) aggiornati
  • Scelta del mese di riferimento corretto (vedremo che non sempre è chiaro questo punto poiché per esperienza molto raramente è specificato nei contratti)
  • Calcolo, se necessario (in base a quanto riportato sul contratto di locazione), del 75% di tale indice

[features_box_yellow width="75%" + border="2px"]
Sai già cosa fare e vuoi solo calcolare il nuovo canone aggiornato per un contratto di affitto già in essere?

Allora vai su questa pagina di adeguamento istat dove troverai una semplice calcolatrice istat che fa proprio al caso tuo.
[/features_box_yellow]

  • Calcolo dell’Imposta di Registro aggiornata (se possibile…)
  • Ricordarsi (chiedere al locatore) se il contratto di affitto è, per l’anno in corso, da sottoporre al regime di cedolare secca
  • Verificare se nel contratto sono stati introdotti gradini o scalette che altererebbero il calcolo del canone aggiornato
  • Calcolare se l’adeguamento dell’istat è fatto prima della scadenza annuale del contratto oppure in ritardo, per cui andrà effettuato anche il calcolo del rateo sul canone di affitto
  • Eventuale invio di lettera di “futuro aggiornamento del canone” tramite raccomandata A.R.
  • Lettera di “comunicazione di adeguamento istat” tramite raccomandata A.R. (o contestualmente alla fattura, ricevuta o avviso di pagamento)

adeguamento istat affitti - problemi e casi particolariAdeguamento ISTAT Affitti – Problemi noti

Come sempre in Italia si vedono anche in questo caso le situazioni più disparate e potenzialmente molto rischiose per chi amministra immobili o gestisce locazioni.
La Legge esiste ma le interpretazioni di avvocati e giudici rendono la materia dell’adeguamento ISTAT del canone di affitto tramite indici FOI/NIC una scienza tutt’altro che esatta.

Parlo a ragion veduta, a fronte dei colloqui avuti in tutta Italia con oltre 200 utenti del nostro software Gestionale DATOS per gli affitti, che in questi anni mi hanno reso partecipe delle situazioni più singolari (o tragicamente comiche) riguardo alle “stranezze” che sono capitate loro con il calcolo dell’adeguamento istat.

Adeguamento ISTAT Affitti – Soluzioni Pratiche

Da qui il motivo di puntualizzare ad esempio gli ultimi due aspetti delle lettere informative di futuro e di avvenuto aggiornamento del canone di locazione.

Oppure di consigliare di inserire nel contratto come indice istat di riferimento per l’adeguamento ISTAT annuale del canone quello di 2 mesi prima del mese di decorrenza (es. per contratti di dicembre usare indice foi/nic di ottobre), così da evitare calcoli di ratei e ritardi nel versamento dell’imposta di registro.

Articoli correlati: